- pomeriggio

  • Cod. 182LAB
  • 14/05/2008
  • 16:00 - 17:00

''Cantiere Inrca: Umanizzare le cure all'anziano attraverso il Counseling''

a cura di Regione Marche nello stand 11C padiglione 6
In questo clima di profondo cambiamento il counseling diventa uno strumento essenziale per riavvicinare i cittadini alle strutture sistemiche preposte alla gestione dei fondamentali bisogni sociali. Sono molti gli ambiti della salute/malattia, interpretata da punto di vista bio-medico, psichico e sociale, in cui il counseling può incidere positivamente. L'aspetto comunicativo sembra la principale lacuna di cui soffre il mondo della salute e della malattia ed è proprio questo aspetto la principale risorsa del counselor. All'interno dell' INRCA le possibili funzioni che questa figura professionale svolge sono: -Analisi dei climi relazionali di un reparto o di una unità operativa: questo tipo di analisi è applicato sia alle equipe di lavoro, sia ai pazienti al fine di migliorare la loro relazione interpersonale e rendere possibile incontri umanamente significativi e utili alla cura del paziente. - Collaborazione con la Direzione dei programmi di miglioramento della qualità relazionale: il counselor indica delle strategie ad hoc per cercare di migliorare il rapporto tra i soggetti appartenenti ad un determinato gruppo, può promuovere e condurre un gruppo di incontro, un gruppo di lavoro o di formazione, colloqui individuali come avviene presso il Centro di Ascolto e di Orientamento. - Orientatore ai servizi; le competenze relazionali sono utili anche nel lavoro di front-office, attività che determina in maniera sostanziale il giudizio del paziente sulla qualità del servizio ricevuto. -Collaborazione con esperti di ricerca sociale nella progettazione e nello svolgimento di analisi della qualità percepita e dei bisogni degli utenti, nella direzione della valutazione sociologica e della ricerca-intervento di stampo psicologico.

Programma