- pomeriggio

  • Cod. 28Cb
  • 15/05/2008
  • 14:00 - 17:00

Regioni e cooperazione applicativa: le opportunità di ICAR tra innovazione e rivoluzione - Sessione pomeridiana

ICAR è l’acronimo di "Interoperabilità e Cooperazione Applicativa in rete tra le Regioni". E’ un progetto che coinvolge 16 Regioni e 1 Provincia Autonoma. ICAR definisce il modello e attiva l’infrastruttura per l’interoperabilità e la cooperazione applicativa in rete tra i sistemi informativi di diverse amministrazioni pubbliche, secondo le specifiche SPCoop. Il progetto verifica l’infrastruttura attraverso sette domini applicativi (Sanità, Anagrafe, Aree Organizzative Omogenee, Lavoro e servizi per l’impiego, Tassa automobilistica regionale, Osservatorio Interregionale sulla rete distributiva dei carburanti, Sistema interregionale statistico di raccordo con Cinsedo) L’infrastruttura sarà fruibile in tutti i domini applicativi (servizi applicativi e procedure erogate da un singolo ente) che richiedono cooperazione tra le regioni. Nell’ottica di una visione condivisa tra Stato, Regioni ed Enti Locali, per lo sviluppo federato e cooperativo dell’ e-government, le Regioni hanno uno specifico ruolo di proposta e di implementazione delle infrastrutture per la società dell’informazione. Il progetto è stato avviato il 16 maggio 2006 a Trento, il 15 maggio 2008 conclude il secondo anno di attività e attraverso questo “evento” intende divulgare i risultati raggiunti e avviare un confronto con Enti Locali, Pubblica Amministrazione Centrale e operatori di mercato sulle opportunità che il progetto offre. ICAR, grazie alle particolari caratteristiche che lo contraddistinguono, come: software open source, sviluppo “cooperativo”, organi di governo interregionali, è divenuto un modello per lo sviluppo di progetti in ambito interregionale e ha favorito la nascita di diverse cooperazioni interistituzionali, creando una rete o “comunità” che rappresenta un importante laboratorio per nuove iniziative . Nel corso della sessione del mattino si svilupperà un percorso che a partire dall’analisi dei risultati raggiunti dal progetto, intende evidenziare come le Regioni hanno saputo valorizzare la cooperazione applicativa in diverse esperienze innovative, come la creazione di un laboratorio di ricerca sull’e-gov (LEGO di Trento) o lo sviluppo di una cooperazione forte interregionale fra tre Regioni confinanti (Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta) o una forte integrazione operativa con il mondo universitario (Basilicata), al termine una tavola rotonda con rappresentanti di Anci, Upi, Uncem, Cnipa e alcune pubbliche amministrazioni centrali consentirà di avviare un confronto su quanto è stato realizzato e sulle opportunità innovative che ne sono derivate. La sessione pomeridiana affronterà il complesso e rivoluzionario tema dell’identità federata digitale. Il progetto ICAR ha sviluppato un modello completo di sviluppo di un sistema federato per la gestione delle identità digitali, che è strettamente necessario per l’erogazione di servizi evoluti e sicuri di cooperazione applicativa ed è coerente con le regole tecniche SPC, recentemente emanate. Il convegno illustra il modello e la relativa implementazione ICAR e apre in una tavola rotonda il confronto con i principali operatori del mercato per comprendere le opportunità che intendono cogliere.

Programma

  • A cura di

  • Moderatore tavola rotonda

  • Tavola rotonda