- mattina

  • Cod. 26LAB
  • 14/05/2008
  • 11:30 - 12:30

Strategie per contrastare l'obesità

a cura di Formez - Buone Pratiche per Guadagnare Salute nel proprio stand al padiglione 8
Il razionale degli interventi di prevenzione dell'obesità si basa sulle seguenti considerazioni: 1. Il sovrappeso e l'obesità sono un importante problema per la salute pubblica che interessa tra il 30 e il 40% della popolazione al di sopra dei 18 anni. Tutto il territorio nazionale è interessato, ma esistono differenze regionali e socio-economiche. 2. Il quadro si instaura a partire dall'età scolare e l'incidenza nella popolazione adulta è più elevata tra i 20 e i 40 anni, così che la prevalenza aumenta progressivamente con l'età fino a stabilizzarsi intorno ai 60 anni. 3. Un modello alimentare a elevata densità energetica, l'elevata disponibilità di alimenti e uno stile di vita sedentario sia nelle attività occupazionali che nel tempo libero, rappresenta il principale fattore di rischio. 4. Rappresentano fattori di rischio individuali per lo sviluppo dell'obesità: - L'incremento ponderale precoce (nei primi cinque anni di vita) e la presenza di obesità nei parenti di primo grado per i bambini. - I cambiamenti sociali, l'ingresso nel mondo del lavoro per gli adulti, la gravidanza ed il climaterio per le donne. La strategia di prevenzione deve avere inizio dalle epoche più precoci, ossia a partire dalla prima infanzia ed indipendentemente dal livello di rischio. Gli interventi preventivi devono conseguire: - L'incremento dell'attività fisica, - Il controllo dei consumi: gli interventi sulla modifica delle abitudini alimentari devono essere rivolti alla riduzione dell'assunzione di grassi; all'incremento del consumo di frutta, verdura, legumi, fibra alimentare; a sensibilizzare gruppi di popolazione nei confronti di una razionale alimentazione. Lo scopo è modificare abitudini alimentari, stile di vita ed atteggiamenti, nonché le motivazioni nei confronti della salute

Programma

  • Relatori