- mattina

  • Cod. B.05
  • 12/05/2011
  • 09:00 - 11:30

10x10: dieci storie di amministrazioni di qualità

(in collaborazione con AICQ) A seguire consegna riconoscimento Call "10x10 dieci storie di qualità"

 

Con un apposito call realizzato da FORUM PA e dall’AICQ (Associazione italiana per  la cultura della qualità), sono state selezionate e si presentano in questa occasione 10 storie di qualità raccontate dai protagonisti che quotidianamente costruiscono progetti per una PA di Qualità.
L’iniziativa nasce dalla volontà di dare spazio a coloro che operando nella PA, hanno contribuito al miglioramento dei servizi resi ai cittadini e alle imprese.

L’obiettivo era di raccogliere 10 storie di Qualità associate a progetti, idee ed iniziative, svolte da funzionari e dirigenti del vasto mondo delle Amministrazioni Pubbliche Italiane. I protagonisti sono chiamati a raccontare, descrivere, rappresentare la propria storia di Qualità che ha contribuito a migliorare la complessa e strutturata macchina dei servizi pubblici, attraverso testi, foto, immagini, documenti e quant’altro si ritenga interessante per dare evidenza di come e con chi si è operato ma anche quali siano stati i risultati ottenuti attraverso l’iniziativa proposta.

Sul sito è disponibile la registrazione video integrale dell'evento. Cliccare qui

Programma

  • Dopo aver presentato l’associazione di cui è rappresentante, Marco Gentilini introduce il convegno, tappa finale di un percorso avviato nei primi mesi del 2011 destinato a raccogliere e diffondere storie di persone che operano all’interno della pubblica amministrazione per produrre qualità. Gli oltre cento progetti che hanno risposto al calla vengono da amministrazioni di tutto il Paese (non mancano alcune interessanti storie di uffici della nostra amministrazione all’estero) e raccontano tanti percorsi diversi, tutti orientati ad un solo obiettivo: orientare la pubblica amministrazione verso un percorso di qualità. Tra tutte le storie arrivate 10 sono state scelte per essere presentate durante il convegno di oggi. Tutte le altre saranno raccolte in un’apposita pubblicazione di FORUM PA Edizioni.

  • Laura Carlini presenta il progetto realizzato dall'Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna (IBACN), preposto allo sviluppo del sistema museale regionale.

    Per favorire la crescita della qualità dei servizi di studio e ricerca, documentazione, conservazione, gestione e valorizzazione del patrimonio e incrementare la fruizione dei beni e degli istituti culturali si è scelto di avviare un percorso di individuazione e riconoscimento degli standard di qualità dei singoli musei. Attraverso un questionario di autovalutazione e l’analisi di un’apposita commissione, sono stati assegnati riconoscimenti regionali di qualità, simboleggiati anche da un apposito logo (MDQ).

  • Graziano Pini presenta il progetto promosso dal Comune di Modena, unitamente a Democenter-Sipe (Centro per l'Innovazione e il Trasferimento Tecnologico) e all'Università di Modena e Reggio Emilia. L’obiettivo è ridare slancio all'economia modenese, sostenendo le imprese nel percorso di innovazione e rilancio della propria attività. L'iniziativa mette a disposizione, gratuitamente, delle piccole e medie imprese del territorio, dei team di esperti con competenze specialistiche integrate, (docenti e ricercatori universitari, professionisti del mondo dell'industria ed esperti di Democenter- Sipe) per rispondere ad esigenze e/o problemi nelle aree dell'innovazione tecnologica, organizzativa e finanza d'impresa.

  • Il fenomeno delle liste d’attesa rappresenta uno dei maggiori problemi dei Paesi con un Servizio Sanitario Nazionale. La sperimentazione gestionale realizzata dall’Azienda Ulss 7 del Veneto, in convenzione con l’Università Cattolica di Roma, ha previsto la gestione attiva di utenti in lista d’attesa con classe di priorità C (entro180 giorni) per prestazioni  ambulatoriali di cardiologia, oncologia, oculistica ed angiologia: 616 utenti sono stati intervistati telefonicamente. L’iniziativa ha registrato oltre il 96% di gradimento, i drop-out sono stati l’1% del totale, nello 0,4% si è resa necessaria una rivalutazione. Il progetto ha analizzato gli aspetti organizzativi, lo sviluppo e la gestione di flussi informativi, la definizione e il calcolo di indicatori di qualità. Allo stato attuale il progetto conosce una seconda fase estesa fino a luglio 2011, con l’intervista telefonica a oltre 1500 pazienti in lista per 180 giorni dalla prenotazione per visita cardiologia, colonscopia, mammografia. L’obiettivo di questa seconda fase è più focalizzato sulla comunicazione e rassicurazione del paziente.

  • Una Pubblica Amministrazione, strutturata secondo un modello organizzativo funzionale basato sulla "rete", può affrontare e superare anche una grave emergenza causata da una calamità naturale come un terremoto, continuando a erogare servizi e benefici sociali alla collettività, senza rinunciare all'efficienza e all'efficacia della sua azione. È questo il caso descritto da Magda Micheli che ha illustrato in che modo la sede dell’INPS dell’Aquila, nonostante la devastazione che ha colpito i propri uffici con il terremoto del 6 aprile 2009, ha fatto fronte ad un numero elevatissimo di richieste di servizi sociali, contribuendo a sostenere le necessità della popolazione e a incrementare la ripresa economica e sociale del territorio.

  • La tecnologia digitale ha la capacità di trasformare positivamente il rapporto cittadino/Amministrazione. Nel progetto presentato da Paolo Barichello obiettivo complessivo dell’ULSS è stato, quindi, quello di realizzare una “azienda sanitaria digitale”, che operasse con le tecnologie, le metodologie, gli standard predefiniti, normativi e verificabili, di un’organizzazione che adotta procedure uniformi, soluzioni di ampia accessibilità ai dati, responsabilizzazione e tracciabilità professionale, tecnologie medicali impostate sull’intero flusso gestionale e di controllo.
    Per questa forte convinzione è stato realizzato il servizio di referti clinici sul web, fascicolo sanitario elettronico, referti clinici sul mobile, nel contesto di complessiva virtualizzazione del canale prescrizione elettronica, prenotazione CUP-disdetta e conferma prenotazione-pagamento ticket online-gestionale attività clinica-refertazione digitale clinica testuale ed iconografica. I risultati raggiunti permettono di affermare che è stata costruita una “comunità sanitaria digitale” basata sui 250.000 abitanti dell’Azienda sanitaria di Asolo.

  • Introduzione

  • Conclusioni e consegna dei riconoscimenti Call "10x10"

    Presentazione delle dieci storie di amministrazioni di qualità

    Laura Carlini, Istituto Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna
    Graziano Pini, Comune di Modena
    Marigrazia Catania, Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi
    Angelo Lino Del Favero, Azienda ULSS 7 Pieve di Soligo
    Magda Micheli, Direzione provinciale INPS L'Aquila
    Massimo Rustico, Consolato Generale ad Istanbul/ MAE
    Francesco Sofia, AGEA
    Baraghini Gianfranco, Policlinico di Modena
    Luciano Mazzini, Comune di Imola – Assessorato Ambiente
    Mario Po’, Azienda ULSS n. 8 di Asolo (TV)

    Menzioni speciali
    Giuseppe Romano, Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro
    Massimiliano Barison, Provincia di Padova
    Sergio del Grosso, Agcom
    Miria Catta e Giovanni Pica, Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione Agricoltura del Lazio
    Andrea Fusco, Provincia di Roma - Dipartimento XIII Servizi per il Turismo
     

  • Menzioni speciali

    Giuseppe Romano, Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro
    Massimiliano Barison, Provincia di Padova
    Sergio del Grosso, Agcom
    Miria Catta e Giovanni Pica, Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione Agricoltura del Lazio
    Andrea Fusco, Provincia di Roma - Dipartimento XIII Servizi per il Turismo