- pomeriggio

  • Cod. lab.21
  • 11/05/2011
  • 15:00 - 15:30
  • Padiglione 7
  • Stand 20A -Saletta Zeta A

Archiviazione ecosostenibile e biblioteca digitale

Parlando di sostenibilità è difficile percepirne vantaggi immediati e concreti e spesso si tende ad associarla a rinunce, costi di implementazione e ROI “sfocato”. Differente è se parliamo di eco sostenibilità nell’IT pubblico.Un’archiviazione cartacea genera costi diretti/indiretti che possono essere eliminati con l’archivio digitale.Carta, toner, consumo energetico per alimentare l’hw di stampa oggi hanno un elevato peso sui costi della PA così come il tempo,lo spazio necessari per un’archiviazione ed una consultazione cartacea tolgono all’operatore minuti preziosi nella gestione di pratiche.Inoltre il macchinoso iter di condivisione tipico di ciò che è materiale porta all’esigenza di copie multiple per archiviazioni distinte o tempi di latenza per la trasmissione documentale.L’esiguo spazio che richiede l’archiviazione digitale, la gestibilità da remoto degli archivi, l’estrema facilità di condivisione, tracciabilità e protezione penso riescano d’impatto a far percepire il risparmio generato da questa nuova filosofia di gestione documentale.Analogamente, le biblioteche, che mantengono come patrimonio universale la copia stampata di libri, manoscritti e documenti originali di inestimabile valore e dimostrazione tangibile dell’evoluzione dell’uomo possono eliminare il costoso processo della copia cartacea rispetto alla digitalizzazione degli originali.I sistemi di Storage oggi consolidati in affidabilità e costo di acquisizione/consumo abbinati a sw adeguati sono la soluzione ideale per la dematerializzazione nella PA!

Programma

  • Interviene