- pomeriggio

  • Cod. I.14
  • 18/05/2012
  • 16:00 - 16:50

Semplificazioni e interoperabilità tra necessità di efficienza e diritti

Intervista a Francesco Pizzetti

Il Presidente del Garante dei dati Personali, Prof. Francesco Pizzetti, intervistato dal Presidente dell'Associazione Italiana per l'Open Government Ernesto Belisario, ci parlerà della nuova Società dell'Informazione e quindi del necessario impegno per armonizzare, in un ambiente fortemente informatizzato, il diritto alla trasparenza della PA, così come sancito dal d.lgs. 150/09, il diritto all'efficienza della PA che impone una veloce e diffusa interoperabilità delle basi di dati e l'altrettanto fondamentale diritto alla garanzia della riservatezza dei dati personali.

Programma

Commenti

privacy e siti scolastici

Non potrò essere presente, ma parteciperanno alcuni amici della comunità di pratica "Porte aperte sul web".

Due domande:
1. Nelle "Linee guida in materia di trattamento di dati personali contenuti anche in atti e documenti amministrativi, effettuato da soggetti pubblici per finalità di pubblicazione e diffusione sul web - 2 marzo 2011" leggo:

Non appare giustificato riprodurre sul web informazioni quali i cedolini dello stipendio, dati di dettaglio risultanti dalle dichiarazioni fiscali, oppure riguardanti l'orario di entrata e di uscita di singoli dipendenti, l'indirizzo del domicilio privato, il numero di telefono e l'indirizzo di posta elettronica personale (diversi da quelli ad uso professionale), ovvero informazioni attinenti allo stato di salute di persone identificate, quali le assenze verificatesi per ragioni di salute.

Se nel sito della scuola metto l'orario delle lezioni specificando l'articolazione oraria delle materie, implicitamente indico l'orario di entrata ed uscita di molti docenti. Come dobbiamo regolarci?

2. In una relazione dell'avv. Palidini per Italiascuola.it si legge:

Il Garante Privacy ha, infatti, chiarito che possono essere applicate al sito web le comuni norme sul giornalino della scuola, dunque con piena facoltà di pubblicazione e senza necessità di registrazione della testata presso il Tribunale.

Aggiunge che è invece necessaria una corretta informativa.

È proprio così? Basta l'informativa?

Grazie