- mattina

  • Cod. w.08b
  • 17/05/2012
  • 11:00 - 11:50
  • Padiglione 8
  • Stand 11A

Decreto Semplifica Italia e Agenda Digitale: quale il contributo di Poste Italiane per una PA più semplice?

L’allargamento della produzione verso molteplici settori del mondo economico ha consentito a Poste di diventare, in breve tempo, anche un indispensabile partner all’attività della PA centrale e locale attraverso progetti dedicati e lo sviluppo di servizi di eGovernment.

L’obiettivo perseguito è la costituzione di un vero e proprio network tra Stato, cittadini e business community, attraverso il crescente sfruttamento della multicanalità di accesso ai servizi e di contatto con la clientela (uffici postali, portalettere, call center, internet, uffici postali mobili, ecc).

L’evoluzione del posizionamento di Poste Italiane segue costantemente l’evoluzione normativa, tesa a definire le regole di base necessarie per conseguire l’obiettivo di una PA sempre più moderna ed efficiente. Il recente Decreto Semplifica Italia rappresenta il più recente contributo in questa direzione.

Nel corso di questo Master verranno analizzati, in particolare, alcuni aspetti connessi all’Agenda Digitale, con particolare riferimento all’area “Potenziamento delle applicazioni di amministrazione digitale (eGovernment) per il miglioramento dei servizi ai cittadini e alle imprese”.

Le iniziative di Poste Italiane per la Pubblica Amministrazione si inquadrano infatti in un modello in base al quale l’Azienda gioca un duplice ruolo di “interfaccia tra il cittadino/impresa e la PA” e di “outsourcer di processi sul territorio” che consente alle Pubbliche Amministrazioni di avvalersi, nell’esercizio di alcune funzioni amministrative, di strutture e personale esterno alla propria organizzazione con aumento dell’accessibilità e semplificazione degli adempimenti.

Nel corso del Master verranno presentati alcuni focus in ambito sanitario, con particolare riferimento ai servizi di Prenotazione prime visite e Pagamento dei ticket. 

Programma

  • [Intervengono] Decreto Semplifica Italia e Agenda Digitale: quale il contributo di Poste Italiane per una PA più semplice?