27 maggio, mercoledì - pomeriggio

  • Cod. co.35
  • 27/05/2015
  • 15:30 - 17:30

Smart working: tecnologia, policy e visione per un lavoro innovativo

in collaborazione con WiSTer - Women for Smart and Intelligent Territories

Attrezzarsi per il cambiamento, garantire occupazione e pari opportunità, ideare modi intelligenti di lavorare sono sfide sempre più urgenti sia per il policymaker che per le aziende. Intuitivamente collegato al lavoro femminile, lo smart working è al tempo stesso un’urgenza e un’opportunità per l’intero sistema produttivo e sociale. Per questo in una sessione di lavoro collaborativo sono chiamati ad individuare soluzioni trasferibili policymaker, aziende, organizzazioni, ricercatori e innovatori.

Programma

  • Introducono

  • 1. Linguaggio

    Partiamo da una notazione fatta da una delle partecipanti di SCE14 a Bologna. La ns. WISTER ci riferiva che i diversi uffici della sua amministrazione si chiamano “DIVISIONI” e che un suo collega più anziano, vedendola cercare collaborazione e condivisione, le aveva fatto notare che se quello doveva essere lo spirito i diversi uffici si sarebbero dovuti chiamare “UNIONI”! Il linguaggio - come in altri campi - aiuta a definire ed esprimere una strategia ed un approccio. Aggiornare l’organizzazione significa intervenire sul linguaggio e sulla nomenclatura utilizzata per descriverla.

    • Coordina

  • 2. Tecnologia

    La tecnologia sta alla base della trasformazione che stiamo vivendo a lavoro. Ma come può essere impiegata questa tecnologia per rendere il lavoro agile e fluido? Quale formazione e aggiornamento immaginare per rendere questa tecnologia amica colma di opportunità.

    • Coordina

  • 3. Mobilità

    Il lavoro agile e fluido presuppone una nuova mobilità, nuovi spazi e un nuovo senso di condivisione. Come gestire questo scenario di mobilità? Cosa significa intervenire sugli aspetti della mobilità all’interno della P.A.

    • Coordina

  • 4. Territorio

    Smart work significa anche ripensare il territorio ed il modo in cui amministrarlo. Il dibattito sullo smart work coinvolge quello sulle smart cities. In un momento in cui si ripensa il ruolo delle province come può inserire lo smart work. nuova leva? nuova opportunità?

    • Coordina

  • 5. Policy

    Lo smart work incide sulle organizzazione. incide positivamente se gestito e supportato dalle giuste policy. sicuramente una revisione della normativa nazionale aiuterebbe ad aggiornare la definizione del telelavoro.

    • Coordina

  • 6. Organizzazione

    Processi e dinamiche in un nuovo assetto organizzativo. Relazioni, spazio, tempo e nuova dotazione di strumenti di lavoro.

  • 7. Aziende 3.0

    Strategia, condivisione, collaborazione tra tecnologia, social e sharing economy. Quale ruolo delle aziende e della pubblica amministrazione?

    • Coordina

  • 8. Comunicazione

    Digital marketing per aziende e istituzioni. Il prosumer è il nuovo consumatore: consuma, produce e si relazione in modlaità 2.0 con gli enti e le istituzioni. Cambia l’informazione. Cambia la comunicazione. Nuove prassi e nuovi format.

    • Coordina