Programma congressuale FORUM PA 2011

La proposta del programma congressuale di FORUM PA 2011 nasce dalla convinzione che i convegni nella loro forma deteriore di “passerella” di oratori, hanno fatto il loro tempo e che vadano sostituiti con occasioni di lavoro tese a creare nuove relazioni, a progettare nuove alleanze, a acquisire nuove conoscenze, a imparare dalle esperienze altrui, siano esse di successo o invece strade sbagliate che ci mettono in guardia e ci salvano da ripetere gli stessi errori o da cacciarsi in pericolosi vicoli ciechi.

convegni

Programma preliminare (titoli provvisori)

Gli eventi

Convegno inaugurale
La Pa cambia, i frutti della riforma

Il tema proposto ha l’intento di mostrare quanto già possiamo raccogliere dallo sforzo riformatore di questi anni. Più che una “passerella” rituale l’incontro ha uno stile veloce e incisivo prendendo in esame quanto in effetti è cambiato per i cittadini, per le imprese, per le amministrazioni per gli “innovatori”. Alla fine del convegno si svolgerà la premiazione del “Premio Qualità PA” promosso dal Dipartimento della Funzione Pubblica.

Convegno conclusivo
“Le reti dell’innovazione”

L’incontro ha l’obiettivo di mettere in luce la necessaria strategia di sistema per sostenere l’innovazione dentro e fuori la PA.

Le “Lezioni magistrali”
Incontri di approfondimento con grandi “innovatori” per presentare temi centrali nel dibattito sull’innovazione

I Convegni

1- La riforma della PA: cosa cambia per le amministrazioni

Dal gennaio 2011 tutte le amministrazioni sono coinvolte nel processo di riforma promosso dal d.lgs.150/09. Al centro della riforma c’è il lavoro pubblico con i temi del ciclo della performance, della valutazione individuale e delle organizzazioni, del merito. La strada per la completa attuazione della legge è ancora lunga. A FORUM PA 2011 i protagonisti politici e amministrativi, gli attori delle migliori esperienze, le organizzazioni sindacali si confronteranno sul percorso fatto e su quello ancora da fare.

  • Lo stato dell’arte della riforma nelle PA centrali, negli Organi costituzionali, nelle Regioni e negli enti territoriali
  • Lo sviluppo delle Risorse Umane per la valorizzazione dei talenti e la promozione del merito
  • Riforma e nuovo modello contrattuale (convegno in memoria di Ubaldo Poti)
  • La contrattazione integrativa
  • Il percorso delle amministrazioni verso la Qualità: 10 progetti x 10 minuti (in collaborazione con AICQ)
  • La valutazione in atto: le prime esperienze di applicazione della riforma (Convention nazionale degli Organismi Indipendenti di Vigilanza; in collaborazione con AIV)
  • La qualità dei servizi pubblici e gli standard di servizio ( a cura di CiVIT)
  • “A due anni dalla riforma, cosa è cambiato e cosa no?” (a cura dell’associazione ex alunni SSPA)
  • La misurazione dei comportamenti operativi. Una risposta innovativa alle sfide della riforma Brunetta (in collaborazione con INPS)
  • Le posizioni apicali nella PA: accesso alle posizioni, sviluppo delle professionalità e delle competenze, valutazione dei profili e delle performance (in collaborazione con l’Università di Bologna – Fondazione Alma Mater e con Andigel)
  • La posizione apicale nelle aziende sanitarie ed ospedaliere: i livelli retributivi della direzione strategica aziendale sono oggi adeguati per garantire professionalità ed innovazione? ( a cura di Federsanità)

2 – La riforma della PA : trasparenza, open Government e open data

La Trasparenza è una delle colonne portanti dei processi di riforma della PA, ma una PA aperta è anche quella che mette a disposizione i propri dati in formato aperto, che considera il suo enorme patrimonio informativo come un asset per il Paese, che valorizza la comunicazione interattiva verso i cittadini e le imprese, che rende stabili e affidabili gli strumenti dell’accountability.

  • La riforma della PA e la trasparenza: rendere conto ai cittadini
  • La comunicazione pubblica come servizio
  • Customer Satisfaction Management: un progetto di innovazione per la PA meridionale
  • Trasparenza e privacy: le linee guida per la pubblicazione di documenti ed atti sui siti web pubblici (in collaborazione con il Garante Privacy)
  • Nuovo CAD: verso l’open government (a cura dell’associazione opengov, in collaborazione con Formez)
  • Oltre il PIL: la misura della qualità della vita e i suoi impatti sulle politiche (a cura di ISTAT)
  • Il progetto Normattiva (a cura del DAGL PCM)
  • Le attività di contrasto alla corruzione

3 - La PA semplice

Tagliare i costi della burocrazia per le imprese e disboscare la giungla delle procedure è divenuto un impegno prioritario dell’azione di Governo, che con il taglia-oneri ha assunto l’obiettivo di ridurre di almeno il 25% i costi della burocratici entro il 2012, con particolare attenzione al principio di proporzionalità e agli adempimenti che gravano sulle PMI

  • Semplificare per crescere: le nuove linee di semplificazione amministrativa per le imprese
  • Sessione seminariale di formazione su:
    • semplificazione negli enti locali e le regioni
    • metodologie e tecniche di semplificazione
    • metodologie e tecniche di misurazione degli oneri
  • Durata dei processi. rimedi giurisdizionali nazionali e sopranazionali (a cura del DAGL – PCM)

4 - La PA digitale

L’evoluzione tecnologica sempre più centrata sul lavoro in rete, e gli strumenti normativi messi a disposizione dal nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) permettono un’accelerazione della digitalizzazione della PA che comporterà una razionalizzazione nell’impiego delle risorse e risparmi importanti nei costi di gestione, che potranno in parte essere reinvestiti nell’innovazione, in parte essere distribuiti alle organizzazioni e alle persone più innovative.

  • Nuovo CAD: documenti elettronici e dematerializzazione
  • Il percorso della Digital Agenda Italia
  • Cloud computing per la PA
  • Nuovo CAD e pagamenti elettronici
  • Nuovo CAD : interoperabilità dei dati, e circolarità anagrafica nei Comuni (in collaborazione con DigitPA e Anci)
  • Nuovo CAD: banche dati nazionali e convenzioni aperte per l’accesso ai dati
  • Professionisti e dematerializzazione degli adempimenti
  • La sanità digitale
  • La scuola digitale e il Premio “A scuola d’innovazione”
  • L’università digitale
  • Le iniziative per la giustizia digitale

5 – La PA in rete

Fare rete con i cittadini, le imprese, le amministrazioni è sempre più necessario in una società complessa, con bisogni crescenti e non più classificabili per grandi categorie sociali, ma diversi per ciascuno e, insieme, con risorse calanti. Ma “governare con la rete” presuppone saperi, competenze e strumenti diversi rispetto a quelli che erano abituali in una “amministrazione gerarchica”.

  • Nuovo CAD: servizi in rete e siti pubblici
  • Barcamp di InnovatoriPA
  • La PA vicina al cittadino: il portale del cittadino, i servizi di MiaPA, l’uso dei social media e la convergenza degli strumenti.
  • I diritti di cittadinanza digitale: accesso alla rete, wifi, banda larga: quale equlibrio tra pubblico e privato?
  • Linea Amica2
  • Una rete nazionale di dati ambientali
  • Costruire una rete di reti. Il networking come elemento di sviluppo e promozione del Sistema Italia
  • I nuovi Comitati Unici di Garanzia a tutela dei diritti

6 - Le reti dell’innovazione

Il nostro è un Paese che sta soffrendo nella capacità di trovare le condizioni per un’accelerazione basata sull’utilizzo dell’innovazione. Per incidere sul modello economico del Paese le molte esperienze di eccellenza nel campo della valorizzazione della ricerca realizzati dai grandi enti nazionali o sui territori dalla rete dei parchi scientifici o degli uffici di trasferimento tecnologico delle università, devono essere ingegnerizzate e trasformarsi in prassi. Ma questo richiede uno sforzo congiunto e un dialogo fluido tra tutti gli attori del sistema: pubbliche amministrazioni, università, enti ed organismi di ricerca, operatori finanziari e imprese private.
Da qui l’idea di una Piazza dell’Innovazione e del Trasferimento tecnologico a FORUM PA 2011 che raccolga, sotto la regia della “Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione”, tutti gli attori di questo delicato processo e che richiami tutti i portatori di interesse all’interno di una sezione congressuale orientata alla comunicazione, alla formazione e alla partecipazione.

  • L’Italia degli Innovatori
  • Una sessione seminariale sulle reti dell’innovazione (FORUM PA; Agenzia; APSTI) (**)
    • Incubatori per imprese di successo
    • Finanziare l’innovazione
    • Il public procurement dell’innovazione
  • Festival dell’innovazione (10 esperienze di successo di innovazione organizzativa e tecnologica)
  • La PA in Cammino - Momento conclusivo del “viaggio” tra Milano e Roma tra le reti locali dell’innovazione

7 - L’Italia unita e federale

I 150 anni dell’Unità d’Italia saranno un leitmotiv di tutta l’edizione 2011 del FORUM PA . Centocinquanta anni di Unità vogliono dire anche centocinquanta anni di PA. La celebrazione avviene per altro in un momento delicato di partenza del federalismo fiscale e di discussioni anche accese su ruoli e competenze dei diversi organi della Repubblica per dare attuazione ad una riforma costituzionale ancora largamente incompiuta.

  • 150 anni di unità d’Italia, 150 anni di amministrazione pubblica
  • Federalismo e costi standard: il caso della sanità

8 - Il nuovo welfare in tempo di crisi

La sicurezza sociale e la garanzia dei diritti sono alla base della vita democratica e costituiscono la sfida a cui il mondo delle istituzioni deve dare una risposta, specie in un periodo di crisi. Il nuovo welfare basato sulla centralità della persona e sulla sua scelta e responsabilità deve rispondere ai bisogni della società in termini di lavoro, di salute, di coesione e di integrazione in forme nuove e sostenibili.

  • La rete per il lavoro
  • Occupazione al femminile
  • L'attuazione dell'intesa per la conciliazione tra tempi di vita e di lavoro
  • La sussidiarietà orizzontale, risorsa e sfida per “governare con la rete” -convegno in occasione dell’anno europeo del volontariato –
  • Nuovi cittadini e nuovo welfare: come coniugare diritti e responsabilità per le fasce deboli
  • Costruire il futuro: la sicurezza sociale dalla parte dei giovani
  • Il portale per l’integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali
  • Valorizzare i “professional” nella sanità pubblica
  • Sostenibilità del SSN e miglioramento della qualità dei servizi. L'innovazione dei processi di diagnosi e cura.
  • Salute mentale in Italia: una legge ancora nuova in una cultura vecchia. Il ruolo della Pubblica Amministrazione.

9 - Lo sviluppo sostenibile

Lo sviluppo sostenibile non è un’opzione, ma l’unica scelta che abbiamo di fronte: coglierla sotto il segno dell’innovazione, della green economy, della coesione ed inclusione sociale, dell’integrazione e della tolleranza vuol dire trasformare un vincolo in una grande opportunità di crescita economica, ma anche civile e sociale e trasformare le città in cui abitiamo in luoghi vivibili e creativi.

  • Le città intelligenti
  • Green economy e innovazione: energy management e Energy procurement nella PA
  • L’efficienza per i patrimoni immobiliari pubblici
  • La strada dell’innovazione per la competitività del turismo italiano

10 - La sicurezza dei cittadini e del territorio

Per garantire alle persone, alle infrastrutture e al territorio condizioni di sicurezza è necessario affrontare politiche basate sulla prevenzione, potenziate attraverso un più ampio coinvolgimento di Istituzioni e della collettività, per lo sviluppo concreto della sicurezza partecipata.Per cogliere questo obiettivo, diventa di fondamentale importanza che tutti gli attori coinvolti sappiano intraprendere un percorso di innovazione dei processi organizzativi, delle tecnologie e dei modelli culturali, percorso di innovazione che saldi repressione e intervento con prevenzione e partecipazione. Le nuove tecnologie giocano un ruolo strategico costituendo di fatto un potente fattore abilitante per questo nuovo modo di concepire la politica della sicurezza nel Paese. L’Italia può vantare nel settore un tessuto industriale, fatto di grandi aziende riconosciute a livello mondiale ma anche ricco di tante PMI di primissimo livello per la capacità di innovazione tecnologica. TechFOr , il salone internazionale delle Tecnologie per la sicurezza è la sezione specializzata di FORUM PA che nasce con l’obiettivo di offrire un luogo e un momento di confronto tra operatori pubblici e privati in materia di protezione dei cittadini e sicurezza del territorio.

  • Nuovo CAD: sicurezza e continuità operativa
  • Sicurezza e privacy
  • Le frontiere della tecnologia per la sicurezza dei cittadini e del territorio